Workshop

  1. Home
  2. chevron_right
  3. Scuole
  4. chevron_right
  5. Workshop

Workshop interattivi e multilingui per le scuole

Esplora alcuni tra i molteplici aspetti delle lingue e del multilinguismo con la tua classe!

I workshop qui proposti vengono svolti dai ricercatori Eurac direttamente a scuola. Per coloro che volessero svolgere le attività in autonomia in classe senza l’aiuto dei ricercatori è possibile scaricare le singole attività sotto forma di materiali didattici.

Tramite attività quali, per esempio, lo zoo delle lingue o l’albero delle lingue, i partecipanti realizzano uno spazio in cui essi possono visualizzare idealmente (e in maniera assolutamente creativa) il loro plurilinguismo.

A chi è rivolto: scuola elementare, scuola media
Come: in classe. Possibilità di disporre le sedie in cerchio, tavoli, flip chart e/o lavagna

Anche quando non parliamo comunichiamo. Da qui prende avvio il workshop che vuole sensibilizzare i partecipanti sull’esistenza di forme di comunicazione “altre” rispetto a quelle “tradizionali”: l’onomatopea, la lingua dei fumetti, la “lingua” degli animali, i modi di contare presso alcuni popoli del mondo e molto molto altro ancora …

A chi è rivolto: scuola elementare, scuola media
Come: in classe. Tavoli, sedie, flip chart e/o lavagna

Perché il francese e croato si scrivono con le lettere dell’alfabeto mentre la lingua cinese si scrive con gli ideogrammi? Come e quando sono nate la A, la B e la C? Come si scrive in armeno?. A queste  (e a molte altre domande) il workshop fornisce delle risposte.

A chi è rivolto: scuola elementare, scuola media
Come: in classe. Possibilità di disporre le sedie in cerchio, tavoli, flip chart e/o lavagna

In questo workshop il gioco si fonde con l’apprendimento linguistico. La classe diventa il campo da gioco, si tira il dado, si muovono le pedine e si risponde alla domande. In questo modo i partecipanti non solo scoprono nuovi e curiosi aspetti delle lingue di tutto il mondo, ma hanno la possibilità di mettere alla prova le loro conoscenze linguistiche per diventare dei veri esperti delle lingue!

A chi è rivolto: scuola elementare, scuola media
Come: in classe o in un luogo abbastanza grande da poter disporre le sedie in cerchio. Il campo da gioco è il pavimento.

Durante i secoli, tantissime parole sono giunte nelle nostre lingue da lingue vicine e lontane. Agli etimologi spetta il compito di stabilire e ricercare le origini delle parole; a questo workshop spetta invece il compito di trasmettere l’uso quotidiano che ne facciamo di esse.

A chi è rivolto: scuola media, scuola superiore
Come: in classe. Sedie, tavoli, lavagna, proiettore, schermo, pc

Il workshop “imparare le lingue senza frontiere” vuole raccogliere le esperienze di apprendimento linguistico dei partecipanti e trasformarle in un mezzo per accrescere in loro la consapevolezza dell’importanza della biografia linguistica. Partendo dalle storie linguistiche già in loro possesso vengono formulati quelli che sono i loro obiettivi di apprendimento futuri e come essi possano essere raggiunti.

A chi è rivolto: scuola media, scuola superiore
Come: in classe. Sedie, tavoli, lavagna, proiettore, schermo, pc

Perché si parla sempre di spagnolo o francese, ma solo poche persone conoscono l’arbëreshë o il mirandese? Com’è possibile che ancora oggi le lingue muoiano e cosa possiamo fare per salvarle? Nel workshop si discute di ciò facendo un viaggio ai quattro angoli d’Europa alla scoperta delle lingue meno conosciute!

A chi è rivolto: scuola media, scuola superiore
Come: in classe. Sedie, tavoli, lavagna, proiettore, schermo, pc.

Al giorno d’oggi le notizie riguardanti i più significativi eventi internazionali vengono pubblicate in contemporanea in tutto il mondo, ma come ci si orienta nel caso di notizie scritte e raccontate in altre lingue? Da qui si parte per spiegare la teoria dell’intercomprensione tra lingue. Le notizie vengono prese dal sito www.euronews.com .

A chi è rivolto: scuola media, scuola superiore
Come: in classe. Sedie, tavoli, lavagna, proiettore, schermo, pc

Lingue minoritarie, dialetti e varietà regionali e locali fanno dell’Italia il paese europeo con la maggiore diversità linguistica. In questo workshop, della durata di 120 min., l’aula diventa il “campo da gioco” e i partecipanti (ri-)scoprono, per esempio, la differenza tra lingua e dialetto, lo slang giovanile o il latino, che ha rivestito e riveste tuttora un ruolo fondamentale nella storia linguistica del paese.

A chi è rivolto: scuole medie
Come: in classe o in uno spazio grande a sufficienza da poter disporre le sedie in cerchio. Il campo da gioco è il pavimento.

Questo ultimo workshop offre la possibilità di intraprendere un viaggio linguistico in Europa per scoprire i punti in comune e le differenze tra le lingue europee. Il viaggio termina a Bruxelles dove è nato l’europanto, la lingua che “mescola le lingue” senza alcuna regola. E proprio come succede a Bruxelles anche ai partecipanti verrà anche chiesto di inventare il “loro europanto” sulla base delle loro conoscenze linguistiche e della loro creatività!

A chi è rivolto: scuola media
Come: in classe. Tavoli, sedie, proiettore, pc, lavagna (o flip chart)

Prenota i workshop

I workshop possono essere prenotati singolarmente o in combinazione con la mostra itinerante.

Informazioni pratiche

  • Ciascun workshop dura 90 min. ad eccezione del no. 9 e del no. 10. che durano 120 min. 
  • Con al sola eccezione del numero 5 (esperti etimologi), tutti i workshop vengono svolti in due o più lingue (a scelta tra tedesco, italiano e inglese) dal team del progetto.

Disponibilità

Contattare il team del progetto per prenotare i workshop o per qualsiasi altra informazione.

Prenotare i workshop

Si prega di inserire:

  • il nome della scuola
  • quando si desidera prenotare il workshop
  • se si desidera avere solo i workshop o anche la mostra itinerante  

Avremo cura di rispondere alla sua mail per confermare la prenotazione.

Menu